• Federica Cosentino

Eadha - il pioppo | Conosciamo gli OGHAM

Aggiornato il: mar 24




Cosa sono gli Ogham: scoprilo in questo articolo


I celti trasmettevano la propria cultura solo oralmente (anche se per la scrittura ufficiale utilizzavano le lingue dei popoli vicini, come per esempio il greco). I detentori della cultura del popolo era i druidi, sacerdoti, ma anche consiglieri del re, guaritori, conoscitori dei movimenti cosmici e della Terra e poeti. Essi si dividevano in tre categorie in base alla loro specializzazione e i bardi erano coloro che mantenevano nel tempo la conoscenza poetica. Studiavano più di 20 anni per arrivare a conoscere a memoria tutto il corpus di miti e storie necessarie.

I celti però avevano anche una forma di scrittura, chiamata Ogham (si legge Oam). Nel Libro di Ballymote si dice che questo alfabeto fosse stato creato da Ogma, un Dio celtico della battaglia, l’eroe guerriero che era però anche il Dio della scrittura. Egli lo diede agli uomini colti perché avessero un linguaggio segreto non utilizzabile dagli stolti.


EADHA - Il pioppo



Il pioppo è l’albero della protezione, spesso chiamato “l’albero che sussurra”. Il pioppo era associato al linguaggio, alla comunicazione, al vento, alla resistenza e alla resurrezione.


Il pioppo nel mito - albero del Sidhe


Il nome latino per pioppo è "populus tremula" che significa pioppo tremulo perché le foglie del pioppo sembrano tremare al vento. Nella mitologia celtica si diceva che questo effetto visivo fosse l'albero che comunicava tra questo mondo e il prossimo, l'Altromondo, il Sidhe.


Le foglie tremanti aiutavano il vento a parlare con gli antenati mentre portavano anche doni di ispirazione e poesia. Per questi motivi il pioppo era talvolta conosciuto come l'albero che sussurra.

L'albero con l'udito più acuto di tutti, trema le foglie per captare la minima comunicazione da vicino o da lontano.


Il pioppo era associato al linguaggio, alla comunicazione, al vento, alla resistenza e alla resurrezione.



Il pioppo nelle tradizioni


  • Nella magia popolare, si credeva che sia il pioppo bianco che il pioppo tremulo curassero la febbre e la paralisi

  • Essendo un albero legato alla protezione, il suo legno veniva utilizzato per la costruzione degli scudi, non perché fosse il legno più duro e resistente, ma perché assicurava protezione, soprattutto spirituale

  • Nell'Inghilterra settentrionale, i lunghi amenti di pioppo nero erano chiamati "Devil's Fingers" e potevano portare disastri se raccolti o addirittura toccati

  • In Inghilterra si dice che: Se hai bisogno di sapere se è prevista pioggia, stai vicino a un pioppo o un pioppo bianco. Se le foglie fanno un forte rumore e tintinnio, presto ci si può aspettare forti piogge.

  • Un ramoscello o una striscia di corteccia a rombi infilata sotto il cuscino porterà notti tranquille senza preoccupazioni.

  • Corone di foglie di pioppo sono state trovate in antichi cimiteri. Si pensa fossero usate per aiutare i morti nel loro cammino verso la rinascita





Vuoi scoprire di più sul pioppo?


Ecco la serata di Conosciamo gli ogham nella quale abbiamo parlato del salice e del pioppo.

Per acquistarla basta che clicchi sulla foto





Insieme ad Efrem Briatore, in 16 incontri annuali, il martedì sera dalle 21.00 alle 22.30

scopriamo insieme l'alfabeto arboreo dei celti, tra mitologia, tradizioni, folclore, botanica ed energie degli alberi.

Se ti interessa vieni a scoprire il corso CONOSCIAMO GLI OGHAM e scopri sotto i prossimi incontri







Bibliografia


Robert Graves, “La Dea Bianca”

MacCulloch, "La religione degli antichi celti"

Riccardo Taraglio, "Il vischio e la quercia"



AUTRICE: Federica Cosentino


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti